errori facebook marketing

Facebook Marketing: 10 errori (assolutamente) da non commettere

Simone Bocchetta Social media marketing Leave a Comment

Sono sempre più frequenti le richieste per fare marketing sui social media, al giorno d’oggi. Esistono social network per molte tipologie di target, alcuni li ho elencati in un mio articolo dove spiegavo come scegliere i canali social più adeguati al proprio target. Il più utilizzato è sicuramente Facebook, data la sua enorme vastità di persone iscritte. Su Facebook puoi trovare qualsiasi tipo di target, essendo un social molto generico. Pensare che fare marketing in una piattaforma come questa sia semplice, è sbagliato. Un lavoro senza pensieri, lasciato fine a se stesso, senza un importante occhio di riguardo porta al 99% dei casi ad una perdita di tempo. Facebook Marketing: errori (assolutamente) da non commettere In un articolo del mio blog ho già parlato di questo argomento, fornendoti 10 consigli per fare marketing su Facebook se sei alle prime armi. Con questo articolo, invece, voglio elencarti 10 errori frequenti assolutamente da non commettere quando si svolge un’attività di marketing su Facebook. Vediamoli insieme. 1. Pensare che fare marketing su Facebook sia un lavoro part-time Il primo dei grandi errori è pensare che il tempo da dedicarvi sia limitato. Per fare un buon lavoro che porti dei risultati, è necessario investirci il tempo necessario per applicare una buona strategia. 2. Non investire il tempo adeguato per individuare il target di riferimento Facebook offre un vasto target con cui interagire, target di ogni genere. Non effettuare molti test per individuare il più affine alle tue campagne è un grosso errore. Puoi utilizzare tool come Audiense per effettuare questi test. 3. Non conoscere gli interessi del target di riferimento Mediante una campagna di marketing su Facebook, ma non solo, bisogna saper soddisfare le esigenze del proprio target. Con questo non intendo solo sapere cosa i clienti desiderano acquistare, ma anche altre informazioni (ad esempio) che …

come trovare influencer nei social media

Come trovare influencer sui social media

Simone Bocchetta Social media marketing Leave a Comment

Avrai sicuramente sentito parlare dell’influencer marketing. Grazie a questi influencer è possibile acquisire utenza, aumentando quindi visibilità e popolarità del proprio brand. Individuarli può sembrare semplice, ma non lo è affatto. Con questo articolo, ho intenzione di spiegarti chi sono gli influencer, cosa fanno e soprattutto come individuarli. Chi sono gli influencer Gli influencer sono persone facenti parte di specifici settori, specifiche nicchie, che dispongono di molti seguaci fidelizzati. Sono in grado di ottenere molte interazioni per ogni post, cinguettii o scatti, di spostare enormi gruppi di utenti secondo il proprio piacimento, di condizionare opinioni e scelte di quest’ultimi. Chiaramente, per arrivare a tutto questo, un influencer deve essere necessariamente autorevole e deve guadagnarsi la fiducia del proprio pubblico. Gli influencer costruiscono un rapporto reale con i propri seguaci, che di conseguenza saranno molto interessati a ciò che condividono sui social e seguiranno i consigli postati. Gli influencer che ti dovranno interessare è necessario che siano: pertinenti al tuo brand; attivi nei social media; influenti nei confronti dell’utenza che dispongono. Come trovare influencer su Facebook Nella maggior parte dei casi i blogger più famosi e con più interazione dispongono di un profilo Facebook. Questo per promuovere i propri articoli, per trovare nuovi seguaci da fidelizzare. Grazie ad un’analisi del tuo settore mirata a Facebook, potrai trovare le pagine più seguite dei blogger di nicchia che ti interessano. Individua anche i post con maggiore interazione per trovare le pagine più seguite. Seleziona gli influencer migliori, e per migliori non intendo quelli con più mi piace! Potresti trovare influencers anche nei gruppi di Facebook, dove la gente può interagire esprimendo la propria opinione su vari argomenti del settore interessato. Sarà necessario analizzare ciò che pubblica, ciò che consiglia. Tu, conoscendo al meglio il tuo settore, potrai valutare se può essere effettivamente un …

Come calcolare le conversioni su Facebook

Simone Bocchetta Social media marketing, Web advertising Leave a Comment

Non molto tempo fa, ho scritto un articolo consigliandoti 6 metodi efficaci per aumentare le conversioni. Come ti ho spiegato in quell’articolo, un numero alto di impressioni non è un risultato sufficiente se come obiettivo hai il traffico sul sito web, vendite, o obiettivi simili. Il valore che ti interesserà maggiormente sarà la percentuale di clic rispetto alle visualizzazioni delle inserzioni. In questo articolo, ti voglio spiegare la formula per calcolare la percentuale di clic di un’inserzione di Facebook. Cos’è il CTR e come calcolarlo Il CTR è l’acronimo di Click-Through Rate, che in italiano significa appunto percentuale di clic. Questo valore si ottiene, come descritto nell’immagine che ti ho fornito, moltiplicando per 100 il valore ottenuto dai clic totali divisi per le impressioni. Le impressioni non sono altro che le visualizzazioni totali che ha raggiunto l’inserzione, e i clic sono il numero di volte che è stato aperto il link presente nel post. Come ottenere i rapporti dei dati su Facebook Per ottenere le informazioni necessarie a calcolare il CTR delle tue inserzioni di Facebook, è sufficiente scaricare il rapporto fornito dalla gestione della pagina. Questo rapporto è scaricabile, e lo puoi trovare passando da Insights > Panoramica e premendo sul bottone “Esporta dati” presente sulla destra della schermata dedicata. Si aprirà una nuova scheda dove puoi personalizzare i dati da scaricare a seconda delle tue preferenze: puoi scaricare le metriche della pagina in generale, solamente dei post, o solamente dei video; puoi scegliere quali dati scaricare come ad esempio: impressioni, interazioni, copertura, etc; puoi selezionarne l’intervallo di tempo; puoi scegliere il formato del file interessato, se un documento excel o un .csv; puoi filtrare i dati interessati a seconda se vuoi analizzare le statistiche ottenute pagando annunci o no. Conclusione Come puoi notare, calcolare le conversioni di un’inserzione …

escludere pubblico dalle inserzioni di facebook ads

Come escludere del pubblico da un’inserzione di Facebook ADS

Simone Bocchetta Web advertising 1 Comment

Questa settimana mi è stata fatta una particolare richiesta da un nuovo cliente, proprietario di un brand che si occupa della vendita online di gioielli internamente prodotti mediante l’ecommerce presente nel proprio sito web. L’obiettivo è di rendere visibile una nuova offerta speciale riservata ai nuovi clienti: uno sconto del 10% sul primo acquisto. Questo, chiaramente, implica che l’inserzione sia mostrata solamente a persone che non hanno mai interagito con il brand acquistando un prodotto. Con questo articolo voglio condividere con te le operazioni che ho eseguito per raggiungere solo ed esclusivamente nuovi potenziali clienti, quindi come evitare di raggiungere le stesse persone con un’inserzione su Facebook ADS. Come escludere un determinato pubblico con un’inserzione su Facebook ADS Di seguito ti spiegherò come ho fatto a evitare di raggiungere le stesse persone con l’inserzione su Facebook ADS, ma anche qualche consiglio in più per situazioni differenti dal mio cliente. Escludere il pubblico con il Pixel di Facebook Questa che ti sto per spiegare è l’attività che ho svolto personalmente sul mio cliente. Utilizzando la funzione utilissima offerta da Facebook che consente di creare un pubblico personalizzato, ho deciso di escludere qualsiasi persona che abbia interagito col sito web acquistando un prodotto. Tutto questo è reso possibile grazie al Pixel di Facebook, che mediante un semplice codice inserito sul tuo sito web consente di monitorare le persone che ci entrano creando differenti liste in base alle azioni che compiono. Da come avrai inteso questa funzione è utilizzabile in differenti situazioni, non solamente in quella del mio cliente. Ti consiglio di testare le varie alternative offerte, può essere determinante per migliorare l’andamento della tua campagna. Escludere il pubblico che ha già interagito con i tuoi profili Facebook e Instagram Un’altra funzione molto utile presente nel Facebook Business Manager è la possibilità di …

consigli facebook marketing

Facebook Marketing: 10 consigli per i principianti

Simone Bocchetta Social media marketing, Web advertising 1 Comment

Se sei capitato in questo articolo, molto probabilmente, sei intenzionato a fare del marketing mediante il social media Facebook. Sicuramente l’hai già intuito da solo, ma Facebook non è solamente un potente social media: è un canale di marketing molto flessibile dove puoi ideare numerose strategie per aumentare la visibilità del tuo sito web o della tua attività, indipendentemente dal mercato in cui operi o dai tuoi obiettivi. Dall’anno della sua nascita (2004) si è evoluto in tanti aspetti, tra cui la pubblicità. Su Facebook, al giorno d’oggi, puoi trovare un numero elevatissimo di utenti, di aziende e di persone che utilizzano Facebook come strumento di marketing. Con questo articolo voglio darti dei preziosi consigli per iniziare a fare marketing su Facebook, ma prima guardiamo un po’ di statistiche di Facebook in Italia aggiornate ad Ottobre del 2017. Le statistiche di Facebook nel 2017 Le statistiche che vi elencherò di seguito sono frutto di un’analisi svolta direttamente tramite la piattaforma: chiunque effettua delle campagne a pagamento su Facebook può monitorarle mediante gli insights offerti dal social media. Gli utenti Secondo il regolamento di Facebook, è possibile registrarsi solamente dai 13 anni in su. Le persone che lo utilizzano in Italia sono circa 34 milioni di persone, ciò vuol dire che è utilizzato dal 57% circa della popolazione totale (59.433.744, dato dell’ultimo censimento). Il genere e l’età Circa 2 milioni degli italiani presenti su Facebook sono minorenni, questo vuol dire che gli italiani maggiorenni occupano il 94% del totale. La maggior parte sono uomini, seppur di poco, che occupano il 52% rispetto alle donne che occupano il 48%. Le fasce di età, divise per genere, sono le seguenti. Per quanto gli uomini: il 18% ha tra i 18 e i 24 anni; il 24% ha tra i 25 e i 34 …