Category Archive

Below you'll find a list of all posts that have been categorized as “Social media marketing”

SOCIAL MEDIA MARKETING BLOG

instagram insights, cos'è e come leggere i dati
Social media marketing

Instagram Insights: come funziona e come interpretare i dati

Una strategia di marketing non può funzionare senza un’analisi dei dati ottenuti. E questo vale anche per la strategia che stai applicando al tuo profilo Instagram: come puoi migliorare i risultati senza monitorare gli Instagram Insights? Il problema di gran parte dei miei clienti che hanno provato a lanciare autonomamente strategie di marketing e comunicazione nel mondo digital è proprio stato la mancanza di analisi e monitoraggio dei dati e delle statistiche ottenute col tempo. In questo articolo si parla di social media, più precisamente di Instagram, ma questo discorso vale per tutti i canali che il web mette a disposizione: le persone che si occupano di marketing vivono di analisi di dati e approfondimenti. Senza quest’ultimi è molto difficile, quasi impossibile, arrivare ad importanti conclusioni che ti aiuteranno ad ottenere maggiori risultati come ad esempio: l’impatto dei tuoi sforzi quotidiani di marketing; cosa funziona e cosa non funziona per il tuo pubblico; il comportamento del tuo target di riferimento; quali possano essere i tuoi prossimi obiettivi. Questi sono solo 4 degli infiniti esempi che potrei farti. Instagram non fa eccezione, ed in questo articolo andremo a vedere nel dettaglio Instagram Insights: come attivarli, cosa sono e come interpretare i dati importantissimi che ci fornisce al fine di applicare determinanti modifiche alla tua strategia migliorandone l’andamento. Cos’è Instagram Insights e come funziona Se stai svolgendo una strategia di marketing su questo canale, devi necessariamente essere sapere cosa sono gli Insights di Instagram. Instagram Insights non è altro che un pannello dedicato ai numeri, ai dati e alle statistiche relative al tuo account: grazie a questi è possibile scoprire di più sui tuoi follower e sulle persone che interagiscono con il tuo profilo. È possibile accedervi dall’icona delle statistiche in alto a destra presente nella sezione dedicata al tuo profilo business.

Leggi di più »
analisi dei competitor, i migliori strumenti
SEO

Analisi competitor: i 13 migliori strumenti per spiare la concorrenza

Svolgere un’analisi dei competitor è la base di ogni strategia: non puoi permetterti di organizzare il lavoro senza analizzare nel dettaglio ogni strategia e tecnica implementata dalla concorrenza. Grazie a queste attività di analisi e monitoraggio è possibile reperire infinite informazioni dai tuoi concorrenti, qualche esempio: la reputazione di un brand; i punti di forza che stanno spingendo; le debolezze che stanno nascondendo; le campagne di advertising che stanno svolgendo; le parole chiave a cui stanno puntando; i backlink di un dominio; la qualità di un dominio; quali strategie stanno applicando; su quali canali stanno operando. Queste sono solo una piccola parte delle informazioni reperibili mediante un’analisi dei competitor. L’unico aspetto negativo di questa operazione è che svolgendola manualmente può (e deve) portare via parecchio tempo, e non se ne ha già mai abbastanza per svolgere le normali proprie mansioni. Se anche tu, come tanti imprenditori o addetti al marketing di un’azienda, hai questo problema.. sei capitato nel giusto articolo. Oggi voglio mostrarti una serie di tool per le analisi della concorrenza, divisi per differenti attività di analisi, che ti permetteranno di risparmiare un’infinità di tempo ottenendo informazioni precise e dettagliate sui tuoi competitor. Analisi della concorrenza: i 13 migliori strumenti Uno dei grandi vantaggi di internet, rispetto alle normali forme di marketing offline, sta nel poter analizzare dettagliatamente ogni propria mossa ma soprattutto ognuna di quelle che svolge la concorrenza. Come ti ho già detto, l’analisi dei competitor deve necessariamente precedere lo sviluppo di una strategia per la propria attività. Senza di essa, non avrai informazioni sufficienti per dare un senso alle tue attività digital e ottenere risultati determinanti grazie ai sacrifici quotidiani. Non perdiamo altro tempo: di seguito ti mostrerò i migliori strumenti di analisi dei competitor divisi per le differenti informazioni da reperire. Analisi generale dei competitor

Leggi di più »
errori facebook marketing
Social media marketing

Facebook Marketing: 10 errori (assolutamente) da non commettere

Sono sempre più frequenti le richieste per fare marketing sui social media, al giorno d’oggi. Esistono social network per molte tipologie di target, alcuni li ho elencati in un mio articolo dove spiegavo come scegliere i canali social più adeguati al proprio target. Il più utilizzato è sicuramente Facebook, data la sua enorme vastità di persone iscritte. Su Facebook puoi trovare qualsiasi tipo di target, essendo un social molto generico. Pensare che fare marketing in una piattaforma come questa sia semplice, è sbagliato. Un lavoro senza pensieri, lasciato fine a se stesso, senza un importante occhio di riguardo porta al 99% dei casi ad una perdita di tempo. Facebook Marketing: errori (assolutamente) da non commettere In un articolo del mio blog ho già parlato di questo argomento, fornendoti 10 consigli per fare marketing su Facebook se sei alle prime armi. Con questo articolo, invece, voglio elencarti 10 errori frequenti assolutamente da non commettere quando si svolge un’attività di marketing su Facebook. Vediamoli insieme. 1. Pensare che fare marketing su Facebook sia un lavoro part-time Il primo dei grandi errori è pensare che il tempo da dedicarvi sia limitato. Per fare un buon lavoro che porti dei risultati, è necessario investirci il tempo necessario per applicare una buona strategia. 2. Non investire il tempo adeguato per individuare il target di riferimento Facebook offre un vasto target con cui interagire, target di ogni genere. Non effettuare molti test per individuare il più affine alle tue campagne è un grosso errore. Puoi utilizzare tool come Audiense per effettuare questi test. 3. Non conoscere gli interessi del target di riferimento Mediante una campagna di marketing su Facebook, ma non solo, bisogna saper soddisfare le esigenze del proprio target. Con questo non intendo solo sapere cosa i clienti desiderano acquistare, ma anche altre informazioni (ad esempio) che

Leggi di più »
wordpress auto social post plugin
Blogging

Auto post degli articoli sui social media: i migliori plugin WordPress

In un articolo del mio blog dove spiegavo come promuovere un blog sui social media, ho sottolineato l’importanza del pubblicare ogni articolo del sito web sui vari profili social che gestisci, creati e gestiti in base a dove puoi trovare il tuo target di riferimento. Farlo manualmente non è un’operazione che richiede tanto tempo, ma con questo articolo voglio metterti a conoscenza di alcuni plugin di WordPress che sono in grado di postare automaticamente gli articoli dei blog sui social media, non appena vengono pubblicati. Perché pubblicare gli articoli del blog sui profili social Sono numerose le ragioni che rendono importante la pubblicazione degli articoli di un blog sui profili social, le più importanti sono le seguenti: mantenere vivi e attivi i profili social: è meglio non essere presente sui social piuttosto che avere dei profili morti, le persone penseranno che sia un progetto finito; aumentare le interazioni: questi contenuti possono essere condivisi sui profili di chi ti segue, possono essere commentati e potrebbero crearsi dibattiti interessanti; aumentare la visibilità del sito web: con un titolo accattivante potrai attirare l’attenzione di molti utenti che di conseguenza cliccheranno sul post per leggerne il contenuto. A tal proposito, ti consiglio di dare un’occhiata ad un mio articolo dove ti do alcuni spunti per trovare nuove idee per i contenuti di un blog. WordPress auto social post: i migliori plugin Come spiegato nell’introduzione, pubblicare articoli del proprio blog sui profili social non richiede molto tempo. Tuttavia, di seguito ti voglio elencare i wordpress auto social post plugins più popolari: Social Auto Poster CoSchedule by Todaymade WP to Twitter

Leggi di più »
le 7 regole del social media marketing
Social media marketing

7 regole (fondamentali) per iniziare a fare social media marketing

Fare social media marketing può sembrare un’operazione molto semplice. La realtà è che si tratta di un’attività che richiede: tempo; competenza; obiettivi, piani e strategie prestabiliti. Tempo, gestire dei profili social non significa pubblicare sporadicamente qualche post e rispondere quando si ha tempo alle interazioni ed ai messaggi ricevuti. Una pagina dev’essere seguita, quando una persona atterrerà sul vostro profilo non dovrà pensare che sia inattiva o gestita male: a tal punto, è meglio non averla. Competenza, come detto nel precedente paragrafo: il social media marketing non è solamente pubblicare qualche post. Il social media marketing comprende molte mansioni, tra cui alcune di queste: la gestione dei contenuti, della strategia, delle analisi. Obiettivi, senza di essi si rischia solamente di investire tempo, fatica e, se si vuole, budget senza ottenere un vero e proprio ritorno. I social sono degli ottimi canali su cui fare marketing, al giorno d’oggi è fondamentale sfruttarli. Con questo articolo, voglio mostrarti quelli che per me sono le 7 regole fondamentali per fare social media marketing, devi esserne a conoscenza ed entrare nell’ottica prima di svolgere quest’importante attività. Le 7 regole del social media marketing Se hai intenzione di avviare un’attività di social media marketing, hai bisogno di comprendere quale davvero sia il tuo obiettivo e creare una strategia adeguata al fine di rendere efficace il lavoro che svolgerai. A tal scopo, di seguito ti elenco le 7 regole del social media marketing, secondo il mio parere: seleziona i social media più adeguati al tuo target di riferimento: il web è pieno di social network di nicchia, individua quelli dove puoi effettivamente trovare il tuo pubblico; inizia da non più di 2 social media: inizialmente investi il tuo tempo su pochi canali fino al momento in cui strutturerai bene i tuoi profili, o rischierai di ottenere

Leggi di più »
migliori strumenti per monitorare la reputazione del brand
Social media marketing

Tool online per monitorare la reputazione del tuo brand

Se sei capitato in questo articolo, molto probabilmente, sei alla ricerca di un buon tool che ti permetta di monitorare la reputazione del tuo brand secondo l’opinione che scrivono in via digitale i tuoi clienti. Monitorare e individuare le recensioni che lasciano i tuoi clienti in tutti i luoghi, anche i più nascosti, del web è fondamentale per mostrarsi presenti e disponibili: premierai le recensioni positive e ti mostrerai disponibile a migliorare il prodotto sotto quelle negative. L’importante è non farsele sfuggire e dare una risposta. Farlo autonomamente e manualmente può richiedere molto tempo, per questo motivo voglio mostrarti quali sono gli strumenti online per monitorare la reputazione del brand che uso personalmente per i miei progetti e per conto dei miei clienti. Strumenti online per monitorare i profili social Quelli che andrò ad elencarti e spiegarti, sono strumenti a pagamento che offrono una prova gratuita per un tempo limitato. In ognuna delle piattaforme, è presente una vasta scelta di social media monitorabili (e non solo social!), con annesse funzionalità molto utili che non sono presenti nei vari pannelli di gestione ufficiali o, se lo sono, sono meno avanzati. Vediamo insieme nel dettaglio quali sono. Mention Mention è uno strumento per monitorare le recensioni che gli utenti lasciano nel web, quindi indirettamente e non sulle pagine ufficiali. I punti di forza di questa piattaforma sono le seguenti: tiene traccia delle menzioni presenti nel web in tempo reale, in modo rapido ed efficace; analizza le menzioni non solo nei social media, ma anche in altre piattaforme presenti nel web. Al giorno d’oggi, la maggior parte delle persone cerca servizi e prodotti nel web. Di conseguenza, sono frequenti le recensioni lasciate in giro per il web di ciò che hanno trovato e provato personalmente. I clienti si aspettano quindi che tu sia presente rispondendo

Leggi di più »
come trovare influencer nei social media
Social media marketing

Come trovare influencer sui social media

Avrai sicuramente sentito parlare dell’influencer marketing. Grazie a questi influencer è possibile acquisire utenza, aumentando quindi visibilità e popolarità del proprio brand. Individuarli può sembrare semplice, ma non lo è affatto. Con questo articolo, ho intenzione di spiegarti chi sono gli influencer, cosa fanno e soprattutto come individuarli. Chi sono gli influencer Gli influencer sono persone facenti parte di specifici settori, specifiche nicchie, che dispongono di molti seguaci fidelizzati. Sono in grado di ottenere molte interazioni per ogni post, cinguettii o scatti, di spostare enormi gruppi di utenti secondo il proprio piacimento, di condizionare opinioni e scelte di quest’ultimi. Chiaramente, per arrivare a tutto questo, un influencer deve essere necessariamente autorevole e deve guadagnarsi la fiducia del proprio pubblico. Gli influencer costruiscono un rapporto reale con i propri seguaci, che di conseguenza saranno molto interessati a ciò che condividono sui social e seguiranno i consigli postati. Gli influencer che ti dovranno interessare è necessario che siano: pertinenti al tuo brand; attivi nei social media; influenti nei confronti dell’utenza che dispongono. Come trovare influencer su Facebook Nella maggior parte dei casi i blogger più famosi e con più interazione dispongono di un profilo Facebook. Questo per promuovere i propri articoli, per trovare nuovi seguaci da fidelizzare. Grazie ad un’analisi del tuo settore mirata a Facebook, potrai trovare le pagine più seguite dei blogger di nicchia che ti interessano. Individua anche i post con maggiore interazione per trovare le pagine più seguite. Seleziona gli influencer migliori, e per migliori non intendo quelli con più mi piace! Potresti trovare influencers anche nei gruppi di Facebook, dove la gente può interagire esprimendo la propria opinione su vari argomenti del settore interessato. Sarà necessario analizzare ciò che pubblica, ciò che consiglia. Tu, conoscendo al meglio il tuo settore, potrai valutare se può essere effettivamente un

Leggi di più »
Social media marketing

Come calcolare le conversioni su Facebook

Non molto tempo fa, ho scritto un articolo consigliandoti 6 metodi efficaci per aumentare le conversioni. Come ti ho spiegato in quell’articolo, un numero alto di impressioni non è un risultato sufficiente se come obiettivo hai il traffico sul sito web, vendite, o obiettivi simili. Il valore che ti interesserà maggiormente sarà la percentuale di clic rispetto alle visualizzazioni delle inserzioni. In questo articolo, ti voglio spiegare la formula per calcolare la percentuale di clic di un’inserzione di Facebook. Cos’è il CTR e come calcolarlo Il CTR è l’acronimo di Click-Through Rate, che in italiano significa appunto percentuale di clic. Questo valore si ottiene, come descritto nell’immagine che ti ho fornito, moltiplicando per 100 il valore ottenuto dai clic totali divisi per le impressioni. Le impressioni non sono altro che le visualizzazioni totali che ha raggiunto l’inserzione, e i clic sono il numero di volte che è stato aperto il link presente nel post. Come ottenere i rapporti dei dati su Facebook Per ottenere le informazioni necessarie a calcolare il CTR delle tue inserzioni di Facebook, è sufficiente scaricare il rapporto fornito dalla gestione della pagina. Questo rapporto è scaricabile, e lo puoi trovare passando da Insights > Panoramica e premendo sul bottone “Esporta dati” presente sulla destra della schermata dedicata. Si aprirà una nuova scheda dove puoi personalizzare i dati da scaricare a seconda delle tue preferenze: puoi scaricare le metriche della pagina in generale, solamente dei post, o solamente dei video; puoi scegliere quali dati scaricare come ad esempio: impressioni, interazioni, copertura, etc; puoi selezionarne l’intervallo di tempo; puoi scegliere il formato del file interessato, se un documento excel o un .csv; puoi filtrare i dati interessati a seconda se vuoi analizzare le statistiche ottenute pagando annunci o no. Conclusione Come puoi notare, calcolare le conversioni di un’inserzione

Leggi di più »
come colpire il giusto pubblico nelle campagne di web marketing
Social media marketing

Come colpire il giusto pubblico con una campagna

Un problema comune che i miei clienti, e non solo, hanno riscontrato è: “ho avviato personalmente alcune campagne: ricevo tanta copertura, ma non ottengo conversioni“. La realtà è che avviare campagne di web advertising sembra facile, ma non lo è affatto. Avviando campagne di web advertising si fa fronte a una necessità di conoscenze specifiche. La ragione per cui non si ottengono conversioni è semplice: non si sta mostrando l’inserzione al giusto pubblico. Le persone la vedranno, e otterrai copertura, ma pochi di questi saranno realmente interessati e cliccheranno sul tuo annuncio pubblicitario. Con questo articolo voglio spiegarti come colpire il giusto pubblico con una campagna di web advertising. Come colpire il giusto pubblico con una campagna I tre punti che andrò ad elencarti e spiegarti sono per me gli step da seguire più importanti per colpire il giusto pubblico con una campagna di advertising. Prima di iniziare una qualsiasi campagna c’è chiaramente necessità di uno studio del pubblico che si vuole mirare, e questa è la base per ottenere le risposte che cercavi. 1. Selezionare gli obiettivi Il primo step è dedicato alla scelta degli obiettivi che si vogliono raggiungere grazie alla campagna che vuoi avviare. È fondamentale perché grazie a questi avrai le idee chiare su come muoverti negli step successivi, riuscirai ad avere una visione più chiara su tanti aspetti della campagna ma soprattutto saprai se l’andamento della campagna è positivo o negativo, in base ai risultati. Qualche esempio di obiettivo: reputazione del brand, se vuoi aumentare la notorietà della tua attività colpendo persone realmente interessate; copertura, se vuoi mostrare il tuo annuncio pubblicitario a più persone possibili; traffico, se vuoi aumentare le visite sul tuo sito web; interazione, se il tuo annuncio è ad esempio sui social media e vuoi che più gente possibile interagisca con

Leggi di più »
consigli facebook marketing
Social media marketing

Facebook Marketing: 10 consigli per i principianti

Se sei capitato in questo articolo, molto probabilmente, sei intenzionato a fare del marketing mediante il social media Facebook. Sicuramente l’hai già intuito da solo, ma Facebook non è solamente un potente social media: è un canale di marketing molto flessibile dove puoi ideare numerose strategie per aumentare la visibilità del tuo sito web o della tua attività, indipendentemente dal mercato in cui operi o dai tuoi obiettivi. Dall’anno della sua nascita (2004) si è evoluto in tanti aspetti, tra cui la pubblicità. Su Facebook, al giorno d’oggi, puoi trovare un numero elevatissimo di utenti, di aziende e di persone che utilizzano Facebook come strumento di marketing. Con questo articolo voglio darti dei preziosi consigli per iniziare a fare marketing su Facebook, ma prima guardiamo un po’ di statistiche di Facebook in Italia aggiornate ad Ottobre del 2017. Le statistiche di Facebook nel 2017 Le statistiche che vi elencherò di seguito sono frutto di un’analisi svolta direttamente tramite la piattaforma: chiunque effettua delle campagne a pagamento su Facebook può monitorarle mediante gli insights offerti dal social media. Gli utenti Secondo il regolamento di Facebook, è possibile registrarsi solamente dai 13 anni in su. Le persone che lo utilizzano in Italia sono circa 34 milioni di persone, ciò vuol dire che è utilizzato dal 57% circa della popolazione totale (59.433.744, dato dell’ultimo censimento). Il genere e l’età Circa 2 milioni degli italiani presenti su Facebook sono minorenni, questo vuol dire che gli italiani maggiorenni occupano il 94% del totale. La maggior parte sono uomini, seppur di poco, che occupano il 52% rispetto alle donne che occupano il 48%. Le fasce di età, divise per genere, sono le seguenti. Per quanto gli uomini: il 18% ha tra i 18 e i 24 anni; il 24% ha tra i 25 e i 34

Leggi di più »
Simone Bocchetta
Simone Bocchetta

Ciao! Sono Simone Bocchetta e aiuto i brand a farsi trovare dal proprio target di riferimento mediante strategie di comunicazione online.
Non trascuro l’informazione e lo studio, fondamentale per rimanere aggiornato nel mio settore il quale è in continua evoluzione.