Category Archive

Below you'll find a list of all posts that have been categorized as “SEO”

SEO BLOG

blog aziendale
Blogging

Blog aziendale: perché ogni sito web dovrebbe averlo?

Se sei un’imprenditore dovresti aver già compreso l’importanza di fare marketing anche su internet. Probabilmente, però, non sei soddisfatto dei numerosi investimenti fini ad aumentare traffico sul tuo sito web, che non hanno portato in realtà un aumento di fatturato e soprattutto un ritorno dell’investimento. La spesa di realizzazione (normalmente un sito web ben fatto viene a costare migliaia di euro), le spese per implementazioni varie, le spese di mantenimento come ad esempio il server e le spese mensili per portare del traffico. Sia che tu abbia un sito web aziendale che propone servizi, sia che tu abbia un ecommerce con un catalogo di prodotti acquistabili online, è molto probabile che sia caduto nella trappola dei numerosi servizi e informazioni “fuffa” presenti nel web, accorgendoti di aver speso un’importante somma di denaro inutilmente non ricevendo i risultati prestabiliti. La ragione è che un sito web realizzato senza un occhio di riguardo verso il marketing ma in special modo verso la comunicazione è pressoché inutile, e diventerà inutile anche investirci migliaia di euro mensilmente in pubblicità per far atterrare nuove persone. Pensaci bene: se mediante una campagna di advertising atterrassi in una pagina di vendita di un brand da te sconosciuto, ti sentiresti sicuro ad acquistare? È molto importante entrare nell’ottica che un prodotto è molto più facile venderlo comunicandolo nel modo giusto, e con questo articolo voglio spiegarti tutti i benefici che puoi trarre da un blog aziendale. Che tu venda servizi o che tu venda prodotti online (per qualsiasi settore!), oltre a far conoscere la tua azienda, è inoltre fondamentale che tu sia presente sui motori di ricerca: molto probabilmente, i tuoi competitor ci stanno già lavorando! Continua a leggere l’articolo, perché se non ti ho ancora convinto son sicuro che lo farò entrando nel dettaglio di ogni discorso

Leggi di più »
seo e content writing: consigli per scrivere contenuti
Blogging

SEO e Content Writing: 13 consigli per scrivere un (ottimo) contenuto

Implementare un blog aziendale nella propria strategia di marketing digitale è molto importante, che tu abbia un ecommerce o che tu proponga dei servizi. Un problema comune di chi ne possiede uno è quello di non riuscire a trarne vantaggi. Innanzitutto, è importante capire quali vantaggi puoi trarne. I più importanti: comunicare la tua azienda, mostrando competenze e professionalità mediante la pubblicazione di contenuti; dare valore aggiunto al brand, offrendo gratuitamente contenuti di valore ad un potenziale cliente o ad un cliente già acquisito; comunicare con il pubblico, dando la possibilità agli interlocutori di interagire con il tuo brand e di esprimere la propria opinione; aumentare la visibilità dei propri servizi o prodotti, presentando ai lettori dei collegamenti a delle pagine di contatto o acquisto (limitandole, non mostrando palesemente l’auto promozione); catturare dati importanti del proprio pubblico, comprendendone comportamento e dati demografici mediante strumenti di analisi o form presenti nel contenuto. Con questo articolo voglio elencarti i principali consigli per scrivere un buon contenuto, che piaccia a Google ma che soprattutto soddisfi le esigenze del tuo lettore. Un contenuto visibile e che converta! Consigli SEO e Content Writing La prima cosa da dire è che SEO e content writing, anche se spesso intesi come la medesima attività, sono due ramificazioni completamente diverse ma da integrare l’una con l’altra. Mentre con l’ottimizzazione SEO ci si pone l’obiettivo di rendere visibile il proprio contenuto sui motori di ricerca (quindi piacere, ad esempio, a Google), con il content writing si soddisfa l’esigenza di creare un contenuto piacevole da consumare per il lettore e che risponda alle sue necessità. È molto importante che tenga questa distinzione a mente. Passiamo al succo principale di questo mio articolo, vediamo i principali consigli per scrivere un buon contenuto. Scrivi per il tuo lettore, non per i motori

Leggi di più »
analisi dei competitor, i migliori strumenti
SEO

Analisi competitor: i 13 migliori strumenti per spiare la concorrenza

Svolgere un’analisi dei competitor è la base di ogni strategia: non puoi permetterti di organizzare il lavoro senza analizzare nel dettaglio ogni strategia e tecnica implementata dalla concorrenza. Grazie a queste attività di analisi e monitoraggio è possibile reperire infinite informazioni dai tuoi concorrenti, qualche esempio: la reputazione di un brand; i punti di forza che stanno spingendo; le debolezze che stanno nascondendo; le campagne di advertising che stanno svolgendo; le parole chiave a cui stanno puntando; i backlink di un dominio; la qualità di un dominio; quali strategie stanno applicando; su quali canali stanno operando. Queste sono solo una piccola parte delle informazioni reperibili mediante un’analisi dei competitor. L’unico aspetto negativo di questa operazione è che svolgendola manualmente può (e deve) portare via parecchio tempo, e non se ne ha già mai abbastanza per svolgere le normali proprie mansioni. Se anche tu, come tanti imprenditori o addetti al marketing di un’azienda, hai questo problema.. sei capitato nel giusto articolo. Oggi voglio mostrarti una serie di tool per le analisi della concorrenza, divisi per differenti attività di analisi, che ti permetteranno di risparmiare un’infinità di tempo ottenendo informazioni precise e dettagliate sui tuoi competitor. Analisi della concorrenza: i 13 migliori strumenti Uno dei grandi vantaggi di internet, rispetto alle normali forme di marketing offline, sta nel poter analizzare dettagliatamente ogni propria mossa ma soprattutto ognuna di quelle che svolge la concorrenza. Come ti ho già detto, l’analisi dei competitor deve necessariamente precedere lo sviluppo di una strategia per la propria attività. Senza di essa, non avrai informazioni sufficienti per dare un senso alle tue attività digital e ottenere risultati determinanti grazie ai sacrifici quotidiani. Non perdiamo altro tempo: di seguito ti mostrerò i migliori strumenti di analisi dei competitor divisi per le differenti informazioni da reperire. Analisi generale dei competitor

Leggi di più »
avvisi personalizzati di google analytics
SEO

Google Analytics: 5 (indispensabili) avvisi personalizzati

Quando gestisci internamente una campagna SEO per la tua attività, o lo fai per aziende clienti, il tempo investito in monitoring è fondamentale. Solo monitorando e analizzando il lavoro che stai svolgendo e i risultati ottenuti, capirai se tutto sta andando per il verso giusto e soprattutto se c’è qualche modifica da implementare alla strategia. Le metriche da tenere conto sono innumerevoli, una più importante dell’altra. Per monitorare i miei progetti e quelli dei clienti io utilizzo SEOZoom, che funziona a meraviglia, ma spesso non basta. Ci sono alcuni aspetti più specifici da analizzare a cui solo strumenti come Google Analytics possono dare risposte precise. Spesso tenere testa a tutti questi dati, specialmente quando gestisci campagne SEO per più clienti, è molto difficile. Se anche tu hai questo problema, sei capitato nell’articolo giusto: di seguito ti spiegherò come installare Google Analytics, come creare avvisi personalizzati e qualche spunto su quali creare. Come configurare Google Analytics sul tuo sito web Google Analytics, come dicevo prima, è il miglior strumento di monitoraggio che tu possa configurare sul tuo sito web. Grazie a questo tool gratuito offerto da Google potrai ricavare importanti dati come: quanti utenti sono collegati al tuo sito web in tempo reale; informazioni importanti sugli utenti che si sono collegati al tuo sito web dal momento in cui hai configurato lo strumento (dati demografici, dispositivi utilizzati, interessi, e molto ma molto altro ancora); classificazione dettagliata sulla provenienza degli utenti che si sono collegati al tuo sito web (motori di ricerca, campagne, social media, etc..); il comportamento degli utenti, ad esempio quando abbandonano e quando e dove si spostano ogni volta che navigano su una nuova pagina del tuo sito web. Questi sono solo alcuni piccoli esempi, i dati presenti su Google Analytics sono molto più dettagliati e soprattutto importantissimi per

Leggi di più »
5 consigli seo per rendere efficace la strategia
SEO

5 consigli SEO (fondamentali) per aumentare i risultati

Da un’analisi svolta per conto di un cliente che ha sempre praticato autonomamente operazioni SEO, è sorto un problema collocato nelle basi fondamentali di questo genere di attività. Il suo lavoro di ottimizzazione SEO è sempre stato affine e ben svolto. Qualche esempio delle sue operazioni: ha prodotto ottimi contenuti di qualità nel suo blog soddisfando i requisiti richiesti dai fattori SEO on-page, con argomenti basati sulle query più ricercate dal target di riferimento e sulle esigenze più popolari trovate nei siti di domanda e risposta; ha creato, gestito e monitorato campagne di link building e guest blogging in maniera ottimale; ha sfruttato il social sharing per rendere ancora più visibili i contenuti pubblicati nella sezione del blog del suo sito web, condividendoli con il suo pubblico. Nonostante tutto, i risultati da lui ottenuti (su lungo termine) non sono stati quelli che si è posto come obiettivi. Un lavoro ben svolto porta sempre i suoi frutti, ma spesso è possibile aumentarne l’efficacia scendendo alle fondamenta della SEO. Vediamo insieme 5 consigli SEO per aumentare i risultati ottenuti. 5 consigli SEO per aumentare l’efficacia di ottimizzazione Il Natale sta arrivando, qual miglior momento per togliere le ragnatele nel tuo sito web e dare un senso ai tuoi sforzi di ottimizzazione SEO, effettuando un’attenta pulizia? Esistono delle basi, spesso erroneamente tralasciate, che sono altrettanto importanti quanto lo sviluppo dei contenuti e la creazione di una campagna di link building. Alcune di queste ricadono sul lato tecnico e possono essere più difficili, ma nulla di impossibile. Si tende spesso a rimandare la soluzione di tutti questi compiti, o ancora peggio ad ignorarla, fino a quando questi non causano un grave problema. Se sei fortunato stai leggendo questo articolo prima che sorgano questi problemi, e puoi prevenirli occupandoti di effettuare un check sul sito

Leggi di più »
i migliori tools per migliorare la local seo
SEO

7 local SEO tools che (forse) non conoscevi

Ad oggi, sono sempre più numerose le richieste dei miei clienti di migliorare la local SEO della propria impresa. Negli ultimi anni si sente parlare sempre più frequentemente di ricerca locale, local SEO, ricerca geolocalizzata (es: negozio abbigliamento a Torino, pizzerie a Milano). A partire dal 2005, Google, ha importato modifiche al proprio algoritmo al fine di migliorare i risultati di queste ricerche a seguito dell’aumento dell’uso di chi ricerca informazioni a riguardo delle imprese locali mediante i motori di ricerca, prima di effettuare l’acquisto fisicamente nei negozi. Con questo articolo voglio darti alcuni consigli necessari per migliorare la local SEO ed elencarti alcuni tool che utilizzo personalmente per semplificare e rendere più efficiente il mio lavoro. Perché è importante la local SEO Se l’introduzione di questo articolo non ti ha ancora convinto, le statistiche che ti sto per mostrare ti porteranno a prestare maggiore attenzione a questo tipo di attività. In uno studio effettuato dal noto motore di ricerca Google in collaborazione con Ipsos, sulle abitudini degli utenti che eseguono ricerche locali, sono emersi dei dati molto importanti che ne determinano la sua importanza: 4 consumatori su 5 ricercano informazioni riguardanti le imprese locali sui motori di ricerca; 1 consumatore su 2 visita il negozio il giorno stesso dopo aver eseguito una ricerca da un dispositivo mobile; il 18% delle persone che effettuano una ricerca locale dal proprio smartphone, effettua in seguito un acquisto presso il punto vendita interessato. Questi dati fanno capire l’importanza di prestare molta attenzione a questo tipo di attività, le ricerche locali fanno ormai parte del processo di acquisto di un determinante numero di consumatori e la presenza nei risultati è fondamentale per qualsiasi settore. Altri dati di cui devi essere a conoscenza sono: l‘80% delle persone che ricercano informazioni commerciali sul web, fanno ricerche di

Leggi di più »
come velocizzare il caricamento di un sito in wordpress
SEO

Come migliorare la velocità di un sito WordPress

Quante volte ti è capitato di cercare informazioni nel web trovando siti con un caricamento molto lento, e di conseguenza stancarsi molto facilmente andando in un sito competitor per reperire le risposte che stavi cercando? Come già spiegato nell’articolo dove elenco la checklist dei fattori SEO on-page, la velocità è un fattore che influisce indirettamente sul posizionamento nei motori di ricerca. Questo è dato dal problema che ti ho esposto nella frase precedente: Google è in grado di comprendere quest’operazione, penalizzando i siti con il caricamento lento. Il tuo sito può avere informazioni più utili e dettagliate di un sito competitor, ma se il caricamento è lento l’utente si stancherà e andrà a reperirle altrove, trovandoti così penalizzato dai motori di ricerca. Con questo articolo voglio spiegarti come migliorare la velocità del tuo sito in WordPress, ottimizzandone il caricamento. I requisiti per velocizzare il caricamento di un sito in WordPress Prima di spiegarti passo per passo come velocizzare il caricamento di un sito in WordPress, ti elencherò quali sono i requisiti da soddisfare per poterlo fare. Non sono molti: possedere un server/hosting valido; attivare un CDN; configurare un plugin di cache valido in modo ottimale. Vediamoli nel dettaglio. 1. Come scegliere un provider e un server/hosting valido per il proprio sito in WordPress I fattori principali da tenere conto per la scelta di un provider e di un pacchetto sono i seguenti: costi; performance, sicurezza e protezione; qualità del servizio di assistenza; facilità di utilizzo. Esistono provider che offrono pacchetti di hosting / server gratuiti o a basso costo. Scegliendo un pacchetto gratuito andrai a fronte di numerose limitazioni che saranno d’intralcio per aumentare la velocità del tuo sito in WordPress, mentre badando solo al risparmio potresti perderci in performance e di conseguenza imbatterti in una perdita di guadagno online.

Leggi di più »
come ottenere traffico organico sul blog
Blogging

Come ottenere traffico organico sul blog in 7 step

Quando si inaugura un nuovo blog e non si possiede del budget necessario per avviare buone campagne di marketing che portino a risultati soddisfacenti, l’unica alternativa per cominciare a popolarlo di lettori è quella di alzare le maniche armandosi di tanta pazienza e soprattutto molto impegno per ottenere traffico organico. Tutti i consigli che ti sto per rivelare, non escludono la possibilità di esser messi in atto in concomitanza a delle campagne di advertising, al contrario possono dare un’ulteriore spinta al raggiungimento dei propri obiettivi. Come ottenere traffico organico su un blog Con questo articolo voglio spiegarti come ottenere traffico organico sul tuo blog, metodi che utilizzo personalmente sui miei progetti e su quelli dei miei clienti. Vediamo insieme passo per passo il mio lavoro. 1. Individuare gli obiettivi del blog Come ripetuto più volte in più articoli del mio blog, tutto parte dall’individuazione degli obiettivi. Le domande che devi porti è: perché ho creato questo blog? Cosa voglio raggiungere mediante questo strumento di marketing? Un blog può avere diverse fini, di seguito alcuni esempi: branding, quindi visibilità del sito web e del brand; vendite, quindi ottenere visite per aumentare la visibilità del proprio ecommerce o delle pagine dei propri servizi; monetizzazione, quindi fatturare grazie al proprio blog; link earning, quindi ottenere link in entrata di alta qualità grazie agli articoli pubblicati e migliorare l’autorità del dominio agli occhi dei motori di ricerca. Una volta individuato lo scopo della creazione del tuo blog, avrai le idee più chiare su come lavorarci e su che tipo di contenuti pubblicare per ottenere traffico organico sul tuo sito web. 2. Individuare il target Un’importante domanda che devi porti dopo aver selezionato gli obiettivi è: qual è il mio pubblico? Se hai già dei clienti o dei lettori, proponi loro dei sondaggi per racimolare

Leggi di più »
cos'è page authority e come migliorarla
SEO

Page Authority: cos’è, a cosa serve e perché è importante

Sicuramente avrai già sentito parlare di Page Authority, quando si parla dell’argomento SEO. Se non ti è ancora esattamente chiaro cosa sia la Page Authority, a cosa serve e perché è importante… stai leggendo l’articolo giusto! In questo articolo risponderò a molte domande a riguardo: ti fornirò una descrizione dettagliata di questa metrica, ti specificherò quali sono i fattori più importanti che determinano i calcoli dell’algoritmo, come misurarla, come migliorarla altre informazioni aggiuntive e soprattutto perché è molto importante darne un importante occhio di riguardo. Cos’è la Page Authority Dal momento che la visibilità del PageRank è stata oscurata, Moz ha sviluppato altri algoritmi per calcolarne punteggi molto simili: la Domain Authority e la Page Autorithy. Moz è un’azienda che non ha nulla a che fare con Google: vende i propri strumenti SEO ma fornisce, come già detto, metriche sostitutive molto simili a quelle ufficiali che venivano in passato rilasciate. La metrica della Page Authority viene calcolata da un algoritmo che tiene conto dei link interni, in entrata e in uscita. In due parole: link building. Il punteggio viene espresso mediante una scala di valori assegnata da un numero da 1 a 100. L’algoritmo viene costantemente aggiornato per dare risultati sempre più verosimili a quelli di Google, ed è per questo che il punteggio potrebbe variare. Nessun problema, sarà sufficiente per te dare sempre un controllo al tuo sito web: puoi utilizzando il vasto elenco di strumenti messi a disposizione da Moz. Secondo il mio parere, e non solo, la Page Authority è molto verosimile a quella che era il Page Rank ed è quindi molto importante. Ti consiglio di tenerla sempre sott’occhio, insieme alla Domain Authority. Come misurare il valore della Page Authority Come ti ho già detto, tutto questo è gestito dall’azienda Moz. Essa mette a disposizione due strumenti

Leggi di più »
analisi di mercato e seo
SEO

In che modo un’analisi di mercato può aiutare la SEO

Come ho spesso ripetuto in molti dei miei articoli, e come ripeto sempre ad ogni mio cliente, un’analisi di mercato con domande pianificate a monte è necessaria per costruire una buona strategia SEO. Iniziare una strategia SEO con un’analisi del tuo settore ti consentirà di ottenere importanti informazioni per strutturare al meglio il tuo lavoro, analizzarlo e monitorare l’andamento. Risponderai a domande fondamentali aumentandone l’efficienza. Quali informazioni cercare prima di svolgere un’attività SEO Per svolgere correttamente un’attività SEO è molto importante ottenere informazioni e risposte che puoi ottenere solo mediante un’analisi del tuo settore. Dal momento che per soddisfare i requisiti richiesti da Google per un buon posizionamento nei suoi indici bisogna scrivere contenuti per gli utenti, conoscere a pieno tutte le informazioni a riguardo è il primo passo che dovrai fare. Le informazioni utili a riguardo della nicchia del tuo business che puoi trarre da queste analisi sono molteplici, ma le più importanti sono le seguenti: informazioni demografiche o psicografiche del tuo pubblico, quindi età, posizione geografica, interessi, comportamento, etc; search intent, quindi il reale bisogno dell’utente che spinge ad effettuare una determinata ricerca; dinamiche di ricerca del tuo pubblico; strumenti di consultazione, quindi quali strumenti utilizza per cercare informazioni nel web. Perché un’analisi di mercato è necessaria prima di svolgere un’attività SEO Grazie a tutte le informazioni ottenute mediante l’analisi di mercato, è possibile strutturare un ottimo piano SEO modificabile poi durante l’andamento della strategia. Ripeto, senza questi è praticamente impossibile avviare una campagna SEO efficiente perché non si potrebbe lavorare nel migliore dei modi, analizzando e monitorando i risultati. Le informazioni ottenute ti porteranno ad importanti risposte come: qual è l’obiettivo che intendi raggiungere; quali sono i tuoi buyer personas, quindi i tuoi potenziali clienti; quali sono i contenuti che devi creare per farti trovare nelle ricerche

Leggi di più »
Simone Bocchetta
Simone Bocchetta

Ciao! Sono Simone Bocchetta e aiuto i brand a farsi trovare dal proprio target di riferimento mediante strategie di comunicazione online.
Non trascuro l’informazione e lo studio, fondamentale per rimanere aggiornato nel mio settore il quale è in continua evoluzione.